La passeggiata del principe!


Il Percorso del Principe è una passeggiata unica al mondo per bellezze artistiche, paesaggistiche e storiche. È un cammino sopraelevato lungo circa un chilometro che a Firenze collega Palazzo Vecchio, sede del potere politico, con Palazzo Pitti, residenza privata dei Governatori, procedendo per il museo degli Uffizi e sopra il Ponte Vecchio. Una sorta di passaggio segreto che permetteva al Granduca e alla sua famiglia sia di muoversi senza passare per le strade della città, sia di ascoltare la messa nella Chiesa di Santa Felicita da un palchetto privato, senza così mischiarsi al volgo. Denominato Corridoio Vasariano dal realizzatore Giorgio Vasari, fu voluto da Cosimo I de’ Medici nel 1565 e edificato in soli cinque mesi, in occasione del matrimonio del figlio Francesco con Giovanna d’Austria. La costruzione del passaggio impose una bonifica della zona: Cosimo ordinò lo sfratto dal Ponte Vecchio dei macellai a favore degli orafi, molto più raffinati, allontanando così il rischio di malattie e di contagi dal centro della città, cuore dell’economia del Ducato (leggi 10 cose da vedere assolutamente a Firenze). Il governatore amava circondarsi di lusso e di ricchi borghesi, che, grazie alla sua passeggiata privata, teneva sotto controllo dall’alto: c’erano guardie disposte a ogni finestrella che ascoltavano tutto, cercando di prevenire eventuali segni di sommossa. Il corridoio non è un percorso retto ma presenta una deviazione: la potente famiglia Mannelli, proprietaria di una delle quattro teste di ponte sull’Arno, impedì l’abbattimento della torre e obbligò Vasari a girarci attorno. Questa non è soltanto la passeggiata segreta dei “principi” ma anche la sede di una collezione di autoritratti di artisti e innumerevoli opere del Seicento. La galleria negli anni si è arricchita: ogni pittore famoso volle qui la sua immagine e così, oltre ai grandi nomi del passato, oggi possiamo scrutare i volti di Delacroix, Rubens, Rembrandt, Velasquez, Chagall, Ligabue e De Chirico. Alcuni ritratti sono simpatici, come quelli delle tre figlie del duca, commissionato per cercar loro marito, altri invece ricordano episodi di violenza, come il primo quadro della pinacoteca, danneggiato durante l’attentato all’Accademia dei Georgofili nel 1993 e lasciato così per non dimenticare. La passeggiata del principe è stata oggetto di moltissime storie nel corso dei secoli: ottima via di fuga ma anche un simbolo di potenza. Grazie ad essa la famiglia de’ Medici teneva sotto controllo le principali attività economiche che si svolgevano lungo il suo percorso. Si racconta che alcune finestre furono allargate nel 1938, in occasione della visita a Firenze di Hitler per convincerlo a non puntare i cannoni sulla città e a preservarne l’alto valore artistico, altri dicono che fu usato dagli Alleati come unica via di collegamento tra una sponda e l’altra o che servì per svuotare la Galleria degli Uffizi durante l’Alluvione di Firenze del ‘66. Non c’è niente di più romantico della splendida vista che si ha sulla città dal Corridoio del Vasari: Ponte Vecchio, le acque dell’Arno e le piazze limitrofe. A causa dell’ambiente ristretto le visite sono limitate e solo su prenotazione, il biglietto sarà unito a quello del museo degli Uffizi. Di seguito il link: http://www.bigliettiuffizi.com/tour-privato-corridoio-vasariano/ Siete pronti a vivere un’esperienza irripetibile? Allora non vi resta che partire!







1 visualizzazione0 commenti
  • code logomodificato
  • Facebook
  • Instagram
Contatti

Via Ghibellina,105 - 50122 Firenze (FI), Italia

Phone +39 338 4056065

CoDe Srls
Sede Legale: Via Torino, 5 

84085 Mercato San Severino (SA), Italia
P.IVA e CF: 05617800650

© 2017 by CODE ROOMS.

Verifica disponibilità

e prenota online